Benvenuti nella Piattaforma di Interscambio o Scambio Posto nella P.A. / Pubblico Impiego - Concorsi - Mobilità - Consulenze

TFR ANTICIPATO – DIPENDENTI PUBBLICI E DIPENDENTI PRIVATI

ANTICIPO TFR DIPENDENTI PUBBLICI?

Meglio chiedere la liquidazione che chiedere un prestito in banca

Dopo anni anni e anni di  lavoro il vostro tesoretto si sarà pure formato. Una sorta di salvadanaio che molti preferiscono lasciare e non toccare fino all’interruzione del rapporto di lavoro.

Immaginate quando si verificano quelle necessità economiche a cui la vita ci chiede di far fronte: l’acquisto della casa, spese mediche. In queste situazioni è facile indebitarsi rivolgendosi agli istituti di credito e alle finanziarie.

Perchè non rivolgersi al proprio datore di lavoro per chiedere un anticipo del TFR, invece che a un istituto finanziario?

La prima cosa da sapere, per chi ha intenzione di chiedere l’anticipo, riguarda i requisiti da avere e quali sono le condizioni da rispettare per ottenerlo.

Chi può chiederlo

La normativa sull’anticipo del trattamento di fine rapporto risale  a quasi 35 anni fa ed è regolamentata dalla legge 297/1982.

Direi  una legge da aggiornare — come spesso accade –

La legge 279/1982 prevede modalità differenti a seconda che il dipendente lavori nel settore privato oppure nel settore pubblico.

La richiesta di anticipo del TFR può essere fatta solo dai dipendenti del settore privato che hanno un’anzianità di almeno otto anni nell’azienda per la quale lavorano.

Per i dipendenti pubblici invece le cose stanno un po diversamente. Il paradosso sta nel fatto che il sistema giuridico ed amministrativo italiano rende la vita abbastanza difficile al pubblico dipendente trattandolo sia come lavoratore dipendente privato applicandogli le norme privatistiche e civilistiche applicate nel  privato e nello stesso tempo come lavoratore pubblico applicando le oramai residuali norme in vigore pubblicistiche.

Sicché il dipendente pubblico soggiace a normative civilistiche di diritto privato e di diritto pubblico, mentre il lavoratore privato solo alle norme di diritto privato.

Orbene, per i pubblici dipendenti, che sono soggetti al trattamento di fine servizio (TFS) l’anticipo può essere richiesto solamente da chi è stato assunto con un contratto a tempo determinato dal 30 maggio 2000 e per chi è assunto a tempo indeterminato dal primo gennaio 2001.

In ogni caso, sia per il privato sia per il pubblico, la somma richiesta non può superare il 70% di quanto maturato al momento della domanda e può essere riscossa una sola volta nel corso della vita lavorativa.

L’anticipo del TFR deve servire per:

  1. l’acquisto della prima casa per sè oppure per i propri figli;
  2. le spese mediche per interventi straordinari (di una certa importanza);
  3. le spese durante l’astensione facoltativa per maternità;
  4. le spese durante i congedi per la formazione extra lavorativa oppure per la formazione continua.

Non è automatico che il datore di lavoro possa concedere ed accontentare. La domanda può essere soddisfatta se i lavoratori che l’hanno presentata non superino il 10% dei dipendenti dell’azienda che ne hanno diritto, e comunque non può andare oltre il 4% dei numeri dei dipendenti totali. Il datore di lavoro deciderà in base all’ordine cronologico delle richieste presentate.

 




4 Comments

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: