Benvenuti nella Piattaforma di Interscambio o Scambio Posto nella P.A. / Pubblico Impiego - Concorsi - Mobilità - Consulenze

E’ possibile la riscossione frazionata dei tributi locali?

Niente riscossione frazionata per i tributi locali


Le imposte locali come Ici, Imu e gli altri tributi locali si riscuotono per intero dopo l’emanazione dell‘avviso di accertamento, anche se l’atto viene impugnato.

Non si applica ai tributi locali, a differenza dei tributi erariali, la riscossione frazionata in pendenza del processo. Il contribuente è tenuto a pagare per intero le somme accertate, entro 60 giorni dalla notifica della pretesa tributaria.

Lo ha affermato la Corte di cassazione, con l’ordinanza 5318 del 22 febbraio 2019.

Per i giudici di piazza Cavour, l’art. 68 del decreto legislativo 546/1992 che prevede il pagamento parziale dei tributi in pendenza del processo non si applica all’Ici, in quanto per questo tributo, così come per le altre imposte e tasse locali, non trova applicazione l’istituto della riscossione frazionata.

In caso di mancato versamento delle somme da parte del contribuente, entro 60 giorni dalla notifica dell’atto impositivo, «il comune o il concessionario, che svolge l’attività per conto dell’ente, possono riscuotere coattivamente le somme accertate».

A meno che l’interessato «non ottenga la sospensione dell’esecutività dell’atto medesimo dalla Commissione adita».

Le amministrazioni locali hanno, però, la facoltà di sospendere in via amministrativa l’esecutività degli atti impugnati.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.