Benvenuti nella Piattaforma di Interscambio o Scambio Posto nella P.A. / Pubblico Impiego - Concorsi - Mobilità - Consulenze

COSA SONO I CONTRIBUTI FIGURATIVI DI CUI SENTE SEMPRE PARLARE?

I Contributi Figurativi – Guida

I contributi figurativi vengono riconosciuti al lavoratore senza che quest’ultimo subisca a suo carico un onere finanziario.

Sono quei contribuiti che si riferiscono alcuni momenti della carriera lavorativa come per esempio nei periodi in cui il dipendente licenziato ha diritto a percepire l’indennità di disoccupazione, attualmente denominata NASPI. Questa indennità viene pagata per un numero di settimane pari alla metà delle settimane di contribuzione degli ultimi quattro anni: pertanto la prestazione può arrivare ad un massimo di due anni.

indennità-di-disoccupazione

Un altro esempio si verifica nei periodi di sospensione dell’attività dovuta a cassa integrazione, nei periodi di infortuni e malattia, di interruzione obbligatoria del lavoro per gravidanza e puerperio, periodi di assenza dal lavoro per donazione del sangue, periodi di aspettativa durante il quale il dipendente è chiamato a svolgere funzioni pubbliche elettive o a ricoprire cariche sindacali a livello provinciale o nazionale.

COME AVVIENE L’ACCREDITO DEI CONTRIBUTI FIGURATIVI?

I contributi figurativi sono accreditati su richiesta degli interessati: normalmente questo avviene in occasione della pensione, in ogni caso giova sottolineare che non esistono termini di scadenza.

In tutti i casi di assistenza tubercolare, cassa integrazione e mobilità, periodi di disoccupazione vi è una eccezione: ci pensa l‘INPS d’ufficio ad accreditarli.

Per l’accredito dei contributi figurativi concernenti il servizio militare è necessario presentare all’INPS il foglio matricolare rilasciato dal distretto militare di appartenenza.

ADESSO VUOI VERIFICARE I TUOI CONTRIBUTI?

INFORMAZIONI DAL SITO INPS

Accedendo a questa scheda informativa puoi sapere come verificare i contributi versati sulla tua posizione assicurativa Inps, scoprendo cos’è l’estratto conto contributivo, a cosa serve, cosa contiene.

Si ricorda che verificare i contributi versati nella propria posizione assicurativa è importante anche in relazione all’introduzione del sistema di calcolo della pensione con il metodo contributivo,  illustrato nella sezione del sito accessibile dal link qui riportato.

SERVIZI ONLINE

Tramite questo link puoi accedere direttamente al servizio di Estratto conto contributivo.

Dopo aver inserito il tuo codice PIN, attraverso il quale vieni riconosciuto nel portale Inps, puoi visualizzare in sicurezza l’elenco dei contributi versati sulla tua posizione assicurativa.

Se hai contributi versati in diverse gestioni, l’estratto conto si presenta suddiviso in sezioni selezionabili singolarmente mediante il menu che espone in alto le diverse schede consultabili.  

Questo servizio è disponibile per i dipendenti del settore privato e i lavoratori autonomi (scheda Estratto conto Regime generale di colore azzurro), per gli iscritti alla gestione separata (scheda Estratto conto Gestione separata di colore verde), per gli iscritti al fondo clero (scheda Estratto conto Fondo clero di colore giallo).

Per gli iscritti alla Gestione separata è consultabile anche l’importo del montante contributivo cliccando sul tasto in basso a sinistra “montante parasubordinati”.

Il servizio è adesso disponibile per i lavoratori dello spettacolo e per gli sportivi professionisti, mentre non è ancora disponibile per tutti gli iscritti alla Gestione dipendenti pubblici, in quanto è attualmente in sperimentazione su un campione di 1 milione di assicurati.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.