Benvenuti nella Piattaforma di Interscambio o Scambio Posto nella P.A. / Pubblico Impiego e Mobilità Compensativa

Richiedi Consulenza Legale

Richiedi una Consulenza Legale

Risposta qualificata dai nostri Avvocati
Parere giuridico in 24 ore, salvo urgenze particolari

MARCHIO DI NOTORIETÀ NAZIONALE

MARCHIO DI NOTORIETÀ NAZIONALE

Consulenze Recenti
CONSULENZA GIURIDICA SU MARCHI NAZIONALI  E INTERNAZIONALI   Siamo stati contattati da un’azienda che produce lavatrici per la seguente situazione: il marchio delle lavatrici è <<lux>> ma questo non è stato registrato. Succede che queste lavatrici venivano venduta per il tramite di un’altra azienda che casualmente si accorge che il marchio non era registrato e provvede direttamente a farlo. L’azienda produttrice delle lavatrici avendo saputo circa la registrazione del marchio da parte dell’azienda che li vende ci contatta per conoscere quali siamo gli strumenti a sua tutela.   Il marchio è un segno distintivo idoneo a consentire al pubblico di distinguere i prodotti o i servizi di un imprenditore da quelli di un altro imprenditore. Esso non mira a porre i

MOBILITA’ VOLONTARIA – CONSULENZA

Consulenze Recenti
Servizio richiesto -  Consulenza legale Oggetto: Mobilità volontaria Corpo del messaggio: Buongiorno, sono una dipendete regionale in distacco a un centro impiego che ha chiesto una mobilità volontaria verso un comune. Dal primo settembre svolgo 18 ore presso il comune e il restante orario al centro impiego, poi da dicembre passaggio definitivo a tempo pieno in comune perché in possesso del nulla osta rilasciato dalla Regione  a luglio. Qualora decidessi di ritornare in Regione prima del passaggio definitivo a dicembre, posso farlo oppure uno dei due enti(Regione o comune) potrebbe opporsi? Faccio presente che il comune mi ha aspettata per quasi nove mesi dopo la selezione fatta a dicembre 2017. Grazie mille attendo riscontro. (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push
FALLIMENTO ED IMPRESA MONOPOLISTA

FALLIMENTO ED IMPRESA MONOPOLISTA

Consulenze Recenti
Consulenza Giuridica On line sul fallimento delle società   La Società «Beta S.p.A.» (nome di fantasia per tutelare la privacy) viene dichiarata fallita in data 25 novembre 2000. Successivamente, il curatore del predetto fallimento, cita in giudizio la Società «Alfa S.p.A.» — erogatrice del servizio di energia elettrica in regime di monopolio legale — deducendo che la società «Beta S.p.A.» le aveva esborsato, in data 11 giugno 2018, un'ingente somma di denaro a titolo di pagamento di fornitura del servizio di energia elettrica da essa reso. Il curatore ne chiede altresì la condanna alla restituzione della predetta somma, incassata a titolo di corrispettivo di fornitura di energia elettrica, previa revoca dei pagamenti ricevuti dalla Società «Alfa S.p.A.», nella piena consape
FINTO PRESTITO PER ACQUISTARE UNA MACCHINA GIA’ DI PROPRIA PROPRIETA’

FINTO PRESTITO PER ACQUISTARE UNA MACCHINA GIA’ DI PROPRIA PROPRIETA’

Consulenze Recenti
INADEMPIMENTO COME RITARDO NELL'ESERCIZIO DEL DIRITTO   Siamo stati contattati da una Società finanziaria per la seguente consulenza giuridica: la società finanziaria nella convinzione di finanziare un acquisto di autoveicolo emetteva alla società X, con cui aveva stipulato una convenzione, un assegno di venticinquemila euro. Per l’appunto il contratto-convenzione con la società X era stato formulato per interventi finalizzati all'acquisto di autoveicoli. Successivamente, trascorsi due anni, la società finanziaria,  si rende conto dell'inadempimento della società per lo sfruttamento del finanziamento (utilizzazione del finanziamento per finalità diverse da quelle previste nella convenzione) e pertanto prima di recarsi dal proprio legale di fiducia ci chiede:<< E’ po
SINISTRO STRADALE E CONCORSO DI RESPONSABILITÀ, QUESITO GIURIDICO ON INE

SINISTRO STRADALE E CONCORSO DI RESPONSABILITÀ, QUESITO GIURIDICO ON INE

Consulenze Recenti
CONSULENZA GIURIDICA ON LINE   Ci è pervenuta la seguente consulenza giuridica dal sig TIZIO (nome di fantasia per motivi di privacy), il quale, a bordo della sua moto percorreva a velocità moderata la strada sita nel comune di Comacchio quando, giunto all'altezza dell'albergo dove alloggiava, si scontrava contro un’altra autovettura, per entrare nell'area di parcheggio del predetto albergo, invadeva la corsia riservata all'opposto senso di marcia e non si avvede del sopraggiungere del motoveicolo. A seguito dell'impatto il nostro utente riportava un trauma cranico facciale oltre ad una frattura all'avambraccio e contusioni varie. Sul posto giunge la Polstrada che accerta, tra l'altro, il mancato utilizzo del casco da parte di Tizio. In teoria  la questione in esame richiede in
AUTOVELOX E CONTESTAZIONE DIFFERITA

AUTOVELOX E CONTESTAZIONE DIFFERITA

Consulenze Recenti
Contestazione differita del verbale di accertamento della polizia municipale - Multe in Arrivo?   Il sig. Verdi, nostro utente, ha richiesto una consulenza giuridica perché purtroppo ha avuto la sfortuna di ricevere un verbale di accertamento redatto dalla polizia municipale con il quale gli viene contestata una violazione al codice della strada per aver superato i limiti di velocità e l'accertamento in questione era avvenuto a mezzo apparecchiatura «autovelox». Il sig. Verdi (omissis per privacy), non essendogli stata contestata immediatamente la violazione, si rivolge a noi prima di recarsi presso uno studio legale per richiedere se vi sono i presupposti per proporre ricorso al fine di chiedere l'annullamento del verbale. La prevalente giurisprudenza della suprema Corte di Ca
Mobilità e Cambio o Nuove Mansioni negli Enti Locali

Mobilità e Cambio o Nuove Mansioni negli Enti Locali

Consulenze Recenti
Dopo la mobilità volontaria svolgo nuove mansioni: come fare? Buongiorno mi scuso davvero per il disturbo e ditemi quanto è per questa consulenza... Come vi dicevo io ho lavorato al 70% in anagrafe in un comune piccolissimo facendo il jolly ma non approfondendo nulla... purtroppo a Verona non sono potuta andare perché il mio ente non voleva per il comando. Ora in questo comune mi trovo fortemente in difficoltà perché all'inizio dovevo andare allo stato civile ma poi mi hanno messa al settore cultura di cui NON SO PROPRIO NULLA. A vostro avviso sarebbe meglio che chieda subito se vi è possibilità di andare ai demografici dove ero destinata all'inizio o faccio una brutta figura? Grazie infinite e scusate ma lavorando sui due comuni ho la testa che fa fatica tanta a capire. In caso
INFORTUNIO SUL LAVORO

INFORTUNIO SUL LAVORO

Consulenze Recenti
Consulenza Giuridica su: INFORTUNIO SUL LAVORO E CORRESPONSABILITÀ DEL DIPENDENTE   Succede che un dipendente con contratto di formazione lavoro presso una ditta ad un certo punto, nello svolgimento del proprio lavoro, utilizzava un macchinario cui era addetto altro collega. Nel mentre utilizzava tale macchinario, di cui non conosce le istruzioni di uso, lo stesso si ribalta procurandogli lesioni gravissime. Il titolare della ditta, preoccupato di eventuali responsabilità nei suoi confronti, prima di recarsi dal suo legale di fiducia ci chiede un parere sulla questione.   Il caso in esame richiede l'analisi della responsabilità datoriale per violazione delle norme in tema di sicurezza sul lavoro. Ai sensi dell'art. 2087 c.c. l'imprenditore è tenuto ad adottare nell'eser
TFR TRATTENUTA DEL 2,5% – LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CONDANNATA

TFR TRATTENUTA DEL 2,5% – LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CONDANNATA

Consulenze Recenti
E' Illegittima la trattenuta del 2,5% sul TFR  Quando la pubblica amministrazione trattiene illegittimamente il 2,5 del TFR si può ricorrere in al TAR per chiederne la restituzione del mal tolto oltre interessi. Si riporta una sentenza in tal senso dove la P.A. è stata condannata. Leggete attentamente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto Sezione Prima ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 414 del 2016, proposto da: Al. Po. ed altri, rappresentati e difesi dall'avvocato In. D'A. C.F. (omissis), con domicilio ex lege presso la Segreteria del T.A.R. Veneto in Venezia, (...); contro Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca non costituito in giudizio;
RESPONSABILITÀ DEL CONDUCENTE – SICUREZZA IN AUTO – CINTURE DI SICUREZZA

RESPONSABILITÀ DEL CONDUCENTE – SICUREZZA IN AUTO – CINTURE DI SICUREZZA

Consulenze Recenti
CINTURE DI SICUREZZA E RESPONSABILITÀ DEL CONDUCENTE  La nostra utente nel quesito giuridico sottoposto alla nostra attenzione scrive che: viaggiava, in ora notturna e durante un forte temporale, a bordo dell'autovettura di del mio Amico e da lui guidata, senza allacciare la cintura di sicurezza. Ad un tratto, a causa dell'alta velocità, la vettura esce di strada e mi trovo sbalzata fuori dell'abitacolo, urtando violentemente l'asfalto e subendo lesioni gravissime con danni alla colonna vertebrale. Dopo un periodo di cure e dopo aver subito diversi interventi chirurgici e seguito terapie riabilitative— con esborso economico di rilevantissima entità — senza peraltro ottenere risultati significativi, rimasta paraplegica, la nostra utente, avendo intenzione di intraprendere nei confronti del

CONTRATTO DI MERCHANDISING

Consulenze Recenti
Consulenza Giuridica richiesta sul Merchandising Abbiamo ricevuto il seguente quesito dal nostro utente, il quale, <<titolare di un'azienda avente un marchio di abbigliamento di lusso>> avendo stipulato un contratto di merchandising con una ditta produttrice di penne stilografiche, attraverso un'indagine di mercato e verifiche effettuate dai propri dipendenti, veniva a conoscenza del fatto che la qualità delle penne stilografiche prodotte era scadente, motivo per cui si è rivolto a noi prima di procedere per le vie legali. Per tutelare in via di urgenza i propri diritti è stata redatta la seguente consulenza. La ricerca di una corretta soluzione per il quesito prospettato impone innanzitutto l'analisi del fenomeno giuridico del merchandising. Con la denominazione di merc
Assenze per Malattia, Terapie e Permessi – Legge 104

Assenze per Malattia, Terapie e Permessi – Legge 104

Consulenze Recenti
Una dipendente dichiarata invalida al 40% dalla Commissione medica, ma non portatore di handicap ai sensi dell'art. 4 della legge n. 104/1992, sempre dalla stessa Commissione, ha richiesto la possibilità di utilizzare, per le cure inerenti all'invalidità, delle agevolazioni della legge n. 104/1992, unicamente per i giorni di assenza per terapie e/o visite. Lo stesso problema si pone per altri dipendenti, soggetti a controlli periodici, in quanto malati oncologici (i tre giorni per gravi motivi ecc. non bastano). Dall'esame dell'art. 33 della citata legge 104 e del Ccnl non si riesce ad individuare se le disposizioni in esso contenute possono essere applicate per i casi in argomento. Diversamente quali disposizioni più favorevoli si possono applicare? Per beneficiare delle agevolazioni d
IDONEITA’ AL CONCORSO PUBBLICO – SI LAVORA?

IDONEITA’ AL CONCORSO PUBBLICO – SI LAVORA?

Consulenze Recenti
ASSUNZIONE DELL'IDONEO AL CONCORSO BANDITO DALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE   L'utente X (nome di fantasia per rispetto della privacy) ci ha richiesto la seguente consulenza giuridica on line: <<All'esito di un concorso pubblico per 50 posti di Funzionario amministrativo presso l'Agenzia delle Entrate, mi piazzai al 51 ° posto della graduatoria e venni dunque dichiarato idoneo all'assunzione. Tuttavia la medesima amministrazione, dopo 15 mesi dall'espletamento del concorso, ha deciso di bandire un nuovo concorso per 10 posti di Funzionario amministrativo (stessa area ed identica posizione economica rispetto al precedente bando), nelle more resisi vacanti. Ritengo leso il mio diritto all'assunzione nel termine di validità della graduatoria, che lo stesso bando fissava a 18
PRELIMINARE DI VENDITA A FAVORE DI TERZO

PRELIMINARE DI VENDITA A FAVORE DI TERZO

Consulenze Recenti, IL BLOG
Consulenza Giuridica on line Succede che, un giorno, un papà vende ad uno dei propri figli (che chiamiamo Rossi per motivi di privacy), un fondo di sua proprietà con annesso fabbricato. Le parti stabiliscono con espressa clausola, che qualora la restante proprietà del papà venga trasferita ai suoi eredi maschi e costoro desiderino costruire un garage per una sola autovettura, Rossi acquirente del fondo si obbliga ci trasferire ad essi una porzione di una tettoia per la somma di euro 1.850,00. Accade che un altro, figlio (che chiamiamo Verdi), acquista un'altra porzione di proprietà e chiede al fratello Rossi che gli venga trasferita la porzione di tettoia. Di fronte al diniego di Rossi, il fratello promuove azione. Rossi si oppone affermando che l'azione è prescritta per la mancata dic

IL PADRE CHE NON MANTIENE IL FIGLIO VA CONDANNATO

Consulenze Recenti, Richiedi Consulenza Legale
Padre disoccupato non versa il mantenimento al figlio Chissà quanti sono i figli che versano e subiscono questa situazione e, la cosa più brutta consiste nella loro impotenza, perché sfido chiunque nel ritenere il proprio papà un irresponsabile. Attenzione al legame di sangue, al cavallo di ritorno, non sempre è un concetto affermativo, spesso i figli una volta maggiorenni cominciano a prendere le dovute distanze. Per non parlare poi dei padri che simulano di essere disoccupati ma in concreto lavorano a nero ovvero partecipano a pieno titolo alla conduzione dell'impresa della moglie, contribuendo a formare reddito con il proprio ausilio lavorativo. Ma la Cassazione adesso dice basta e condanna questi inadempimenti del padre. Infatti la Cassazione con la sentenza n. 34952 del 2018 h