Benvenuti nella Piattaforma di Interscambio o Scambio Posto nella P.A. / Pubblico Impiego e Mobilità Compensativa

IL BRUCO CHE MANGIA LA PLASTICA

La Pollution du Monde

Ogni anno utilizziamo un trilione, cioè un miliardo di miliardi, di buste di plastica, di polietilene per l’esattezza.

L’utilizzo della plastica sul nostro pianeta raggiunge livelli veramente preoccupanti.

La plastica sulla terra raggiunge una quantità enorme di materiale che intasa le discariche di tutto il mondo.

Ad oggi non esistono rimedi alternativi, ma una biologa italiana sembra aver trovato un sistema naturale per smaltire tutta la plastica.

La soluzione è un verme che mangia letteralmente il polietilene, materiale che in natura viene smaltito dopo 400 anni.

La plastica è altamente inquinante, dannose per gli animali, ma insostituibile in biomedicina, elettronica, industria alimentare.

La scoperta è avvenuta per caso, mentre la biologa, con l’hobby dell’apicoltura, ripuliva i suoi alveari di alcuni strani bachi che infestavano i contenitori. Raccogliendo i bachi in delle bustine di plastica si è accorta, dopo una mezz’oretta, che le buste erano piene di buchi e le larve erano fuggite.

Incredibile vero?

Poi se questi vermi mangia plastica diventano dannosi per la terra un rimedio velocissimo c’è, ucciderli. Ma non è questo il problema e non fasciamoci la testa prima di romperla.
Il problema da tenere a bada è l’inquinamento della plastica.

La prima domanda che i ricercatori si sono fatti è: come riesce la G. mellonella a mangiare la plastica?

Sono animali che si cibano della cera d’api.

Quindi, dal punto di vista evolutivo, ha senso che il baco riesca a nutrirsi di plastica”. Il meccanismo metabolico preciso sarà oggetto di un prossimo studio. Per ora con i nostri esperimenti abbiamo capito che la degradazione della plastica non avviene solo per la semplice azione masticatoria – e quindi meccanica – del baco, ma proprio per un processo chimico.



Chi ha notato questa larva?

La larva è stata notata per puro caso dalla biologa italiana, Federica Bertocchini.

Qual è il passo successivo?
Naturalmente non possiamo allevare enormi quantità di larve, anche perché sono dannose per le api, già in declino a rischio in tutto il mondo, ma capire qual è l’enzima o il batterio che fa digerire la sostanza inquinante al verme mangia-plastica.

Cosa si potrebbe fare?

Potremmo realizzare delle piccole discariche eco-sostenibili in ogni quartiere. Questa idea, insieme a piccole altre rivoluzioni, potrebbe cambiare per sempre il ruolo e l’aspetto delle discariche.

Ricordiamo che il polietilene rappresenta il 40% dei prodotti plastici usati in tutta Europa, e il 38% finisce direttamente in discarica.

 

Commenta